L’ANIMA E LA MATERIA 

ZHANG HUAN

8 LUGLIO 2013

13 OTTOBRE 2013

La mostra L’Anima e la Materia, personale di Zhang Huan, uno dei più interessanti artisti contemporanei cinesi e figura di spicco nel panorama internazionale, vuole accompagnare il visitatore attraverso un itinerario artistico che, partendo da Palazzo Vecchio simbolo del potere civile di Firenze, arriva a Forte Belvedere, luogo carico di storia e suggestioni paesaggistiche. In questo straordinario contesto le opere declinano la più recente poetica creativa di Zhang Huan, artista che ha saputo rinnovare il linguaggio dell’arte contemporanea cinese e non solo. Il dialogo tra culture, immagini e simboli di ieri e di oggi, tra società e pratiche religiose differenti, è alla base di questo progetto.
Il percorso espositivo all’interno di Palazzo Vecchio, dedicato alla scultura, permette di scoprire soggetti e materiali di un artista che lega inscindibilmente la sua opera con il buddismo. Il confronto tra le immagini di Cristo e di Buddha e la presenza di un’effige di Confucio nel Salone dei Cinquecento, dove s’impongono alla vista rappresentazioni pittoriche di carattere politico, propongono un inconsueto accostamento tra valori religiosi, forme d’arte, tradizioni e pratiche che dal passato giungono a noi. La mostra prosegue idealmente, con uno sviluppo più antologico, al Forte di Belvedere dove per la prima volta in Italia, sono state presentate alcune sculture monumentali poste sui terrazzamenti esterni. La palazzina ospita grandi ritratti realizzati con la cenere d’incenso e opere in pelle di mucca (Cowskin), immagini di una Cina passata che affiorano nella memoria dell’artista.
La capacità dell’artista di creare connessioni estetiche e culturali tra la civiltà rinascimentale fiorentina e quella cinese riporta alla mente quella Via della Seta che già in passato aveva collegato l’Oriente con l’Occidente. La mostra offre, altresì, una privilegiata chiave di lettura per comprendere la Cina contemporanea, un realtà affascinante e complessa che non rappresenta oggi solo una potenza economica, ma anche uno straordinario laboratorio di arte e cultura.