Exhibit

Le Sette Meraviglie della Toscana

MIDA_Mostre-8.jpg

Le Sette Meraviglie della Toscana è il titolo della mostra allestita presso l’area della Polveriera della Fortezza da Basso in occasione della 83a Mostra Internazionale dell’Artigianato. Il progetto, ideato e realizzato da Once, ha raccolto adesioni importanti da parte dei più alti esponenti dell’Artigianato artistico di livello internazionale che producono sul territorio regionale. Once ha sviluppato una ricerca per andare ad individuare le gemme preziose del territorio, capaci di unire la conoscenza delle antiche tecniche di lavorazione ad elementi di design e artigianato contemporaneo, svelando così la ricchezza tipica dei piccoli tesori - dove l’artigianato diventa arte.

Un viaggio alla ricerca dell’arte del saper fare. Al centro del percorso espositivo c’è la Materia - sintetizzata in alabastro, bronzo, ceramica, ferro, marmo, oro, tabacco - che dialoga con la Natura del paesaggio toscano. E’ la Mano dell’Uomo però la vera protagonista, capace di plasmare, modellare, elaborare e interpretare la visione dell’Artigianato artistico, frutto del lavoro, della tradizione e della passione che viene tramandata attraverso intere generazioni. E con essa la Mente, che accompagna il pensiero nella cornice di un’ideale Agorà, che vuole essere un invito alla scoperta di queste meraviglie e agli appuntamenti che popoleranno le Botteghe della Polveriera.

Un’esperienza visiva e di relazione, a stretto contatto con i Maestri artigiani provenienti da Carrara, Pietrasanta, Scarperia, Montelupo Fiorentino, Empoli, Firenze, Campi Bisenzio, Volterra e Lucca, con elementi pregiati e autentiche opere d’arte.

VISTA FINALE 16-9_LOGO_1.JPG

Italy - Twilight Skylines from Police helicopters, Ho Chi Minh, Vietnam

PHOTO-2019-05-08-10-19-48.jpg

Ho Chi Minh City, Vietnam. E’ questa la seconda tappa della mostra fotografica del fotografo Massimo Sestini Italy - Twilight Skylines from Police helicopters.

L’Italia come mai vista prima in Vietnam. L’Italia dall’alto, con i suoi incredibili paesaggi, è il soggetto della suggestiva mostra “ITALY – Twilight skylines fron Police helicopters” esposta dall’8 Maggio alla fine di luglio sia a Ho Chi Minh City che a Hanoi. Una selezione di dieci foto esposte nell’aeroporto saigonese, il più trafficato del paese con quasi 24 milioni di passeggeri nel solo terminal nazionale, sino al 20 maggio. L’esposizione completa sarà installata presso il Reverie Saigon Hotel fino alla fine di giugno, a cavallo delle celebrazioni della Festa della Repubblica italiana a Ho Chi Minh City. Le foto saranno quindi trasferite nella capitale Hanoi, dove resteranno esposte sino alla fine di luglio.

La mostra è stata inaugurata dal Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale, Enzo Moavero Milanesi, in occasione della sua visita in Vietnam, presso il terminal delle partenze nazionali dell’aeroporto Tan Son Nhat di Ho Chi Minh City. Insieme al Ministro Moavero, anche l’Ambasciatore d’Italia in Vietnam Antonio Alessandro, il Console Generale a HCMC Dante Brandi e rappresentanti delle autorità cittadine e della società di gestione aeroportuale ACV.

Italy - Twilight Skylines from Police helicopters è organizzata dall’Ambasciata d’Italia a Hanoi e dal Consolato Generale d’Italia a Ho Chi Minh City nel quadro del programma di promozione integrata “Vivere all’italiana” finanziato dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale. L’iniziativa è resa possibile dalla collaborazione tra il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale e la la Polizia dello Stato, con il patrocinio del Ministero dell’Interno. L’esibizione in Vietnam conterà sul supporto organizzativo di Once-Extraordinary Events, ACV – Airport Corporation of Vietnam e Reverie Saigon Hotel.

ITALY-TWILIGHT SKYLINES FROM POLICE HELICOPTERS, Moscow, Russia

©MASSIMO SESTINI/ Polizia di Stato

©MASSIMO SESTINI/ Polizia di Stato

Le foto di Massimo Sestini dagli elicotteri della Polizia di Stato in mostra a Mosca, 12-24 marzo 2019.

Alla presenza dell'Ambasciatore d'Italia, Pasquale Terracciano, verrà inaugurata il 12 marzo presso il Museo MAMM (Multimedia Art Museum) di Mosca, la mostra “ITALY – Twilight skylines fron Police helicopters” realizzata con gli scatti fotografici di Massimo Sestini, già vincitore del World Press Photo. 

Il fotografo, in occasione della realizzazione degli scatti per la Polizia di Stato, volando con i modelli AgustaWestland AW139 e AB212 di Leonardo-Finmeccanica impiegati dalla Polizia, ha immortalato i paesaggi dell'Italia, un'ora dopo il tramonto o un'ora prima dell'alba. Le immagini esposte mettono insieme, in un orizzonte di luce di suggestiva bellezza, le meraviglie d’Italia, unica per varietà ed armonia.
Il progetto, nato dalla volontà di mettere a disposizione del grande pubblico la visione di un’Italia mai vista, è un unicum a livello internazionale. Gli scatti consentono al visitatore di scoprire le meraviglie di un Paese che spaziano dalla grandi città ai centri della cultura, dal litorale alle Alpi.

Nata grazie alla disponibilità manifestata dall'Ambasciata d'Italia a Mosca, dalla collaborazione tra il Ministero degli Affari Esteri e la Polizia dello Stato, con il patrocinio del Ministero dell’Interno, l'esposizione delle fotografie di Massimo Sestini è realizzata a cura di Once-Extraordinary Events, con il supporto dell'Istituto Italiano di Cultura a Mosca e grazie al contributo di Enit – Agenzia Nazionale del Turismo, Pirelli, Leonardo, UniCredit Bank Russia e MacCoffee.

L'Arno straripa a Firenze - La Nazione e l'alluvione in Toscana

IMG_1674.jpg

4 Novembre 1966. Cinquant'anni dopo. Ancora un ricordo indelebile. In mostra documenti originali, immagini inedite e cronache dell'epoca. La Nazione, il giornale dei fiorentini e dei toscani che raccontò al mondo l'Alluvione in tutti i suoi dettagli, ha deciso di dedicare una mostra  per ricordare quel tragico 4 Novembre 1966. Dopo l'inaugurazione ufficiale con il Presidente della Repubblica Mattarella, sabato 5 (e fino al 19 novembre) si è tenuta l'apertura dell'esposizione al pubblico. Alla mostra, il sottosegretario Luca Lotti, il patron della Fiorentina Andrea Della Valle ed il Regista Franco Zeffirelli.

Varie aree che raccontano quei giorni drammatici e la reazione della città con foto, docufilm e testimonianze. La Nazione ha voluto contribuire ulteriormente con una testimonianza unica data dai colleghi che raccontano quel che accadde quel 4 novembre di cinquant'anni fa.

Once ha ideato il progetto di mostra e curato l'allestimento.

Antony Gormley: HUMAN

Dopo i grandi successi riportati dalla mostra di Zhang Huan “L’Anima e la Materia – Soul and Matter” nel 2013 e dalla mostra di Giuseppe Penone “Prospettiva Vegetale” nel 2014, il Forte di Belvedere riapre al pubblico con una nuova mostra di arte contemporanea: “Human” di Antony Gormley.
La mostra, promossa dal Comune di Firenze, curata da Sergio Risaliti e Arabella Natalini, è stata organizzata da Associazione Mus.e con il supporto di Galleria Continua di San Gimignano e White Cube.

Il grande artista londinese ha voluto per Firenze una mostra che ha previsto una contaminazione del Forte di Belvedere con oltre cento opere e ad ingresso gratuito per tutti.
26 Aprile - 27 Settembre 2015.

Once ha curato le relazioni con le istituzioni coinvolte, ogni aspetto logistico e di realizzazione del progetto espositivo ed ha gestito l'area bar e gli eventi collaterali.


Inaugurazione Galleria "Art House" e Mostra “Io e Plinio, il saluto”

Ha inaugurato il 1° Febbraio 2015 a Bagno Vignoni (SI) un nuovo spazio d’arte, Art House, ideato e diretto da Mario Pissacroia, con la mostra “Io e Plinio”, dedicata al gallerista romano di origini abruzzesi Plinio De Martiis scomparso nel 2004. Fotografo, gallerista, ideatore e organizzatore di importanti eventi culturali, De Martiis fondò a Roma nel 1954 la galleria “La Tartaruga”, attorno alla quale gravitarono artisti del calibro di Rauschenberg, Warhol, Burri, Schifano.

La mostra è stata realizzata proprio nella stessa abitazione di Bagno Vignoni che lo ospitò durante i suoi anni in Val d’Orcia. Qui sono state esposte le opere dei grandi artisti che De Martiis amò e contribuì a rendere protagonisti, ma anche di coloro che conobbero e stimarono De Martiis e che ben rappresentano la vocazione internazionale e multidisciplinare della galleria che riserva una sala al design, al fashion e all’arte drammatica, sperimentando contaminazioni con la sound art.

Tra gli artisti presenti: Vincenzo Agnetti, Franco Angeli, Enrico Baj, Alberto Burri, Ennio Calabria, Tommaso Cascella, Tano Festa, Franco Fontana, Sergio Lombardo, Robert Mapplethorpe, Sebastián Matta, Carlo Mattioli, Gastone Novelli, Achille Perilli, GerhardRichter, Mimmo Rotella, Mario Schifano, Ugo Sterpini.

Once ha svolto la funzione di ufficio stampa e si è occupata della promozione pubblicitaria.

Domenico Bianchi: Sidereus

Il titolo “Sidereus” trae origine dal Sidereus Nuncius, il celebre trattato scientifico di Galileo Galilei e del quale si è celebrato nel 2014 il 450° anniversario della nascita (Pisa, 15 Febbraio 1564). E proprio all’orizzonte infinito, all’universo più distante, alla ‘musica celeste’ ed alla luce degli astri è ispirato il progetto Sidereus a cura dell’artista Domenico Bianchi, realizzato per la Limonaia Grande di Boboli. Un’opera monumentale (circa 90 metri di lunghezza), articolata in una sequenza di immagini e di quadri realizzati in materiali diversi.
Si tratta, nello specifico, di un’opera realizzata interamente su legno e cera con inserti di argento-palladio; quindici quadri di diverse dimensioni appoggiati in modo libero sul livello sottostante.

Il progetto è stato realizzato in collaborazione con la Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze ed in partnership con MIA-Magazzino of Italian Art.

Once ha seguito tutti gli aspetti organizzativi, curando le relazioni con istituzioni e sponsor, la logistica, gli allestimenti di mostra e la comunicazione.

Giuseppe Penone: Prospettiva Vegetale

Prospettiva vegetale è la prima grande mostra personale a Firenze dell’artista contemporaneo Giuseppe Penone, tra i più affermati a livello internazionale. Per questo progetto espositivo, le sculture sono state dislocate tra gli imponenti bastioni dell’antica fortezza medicea, il Forte Belvedere, ed il magnifico Giardino di Boboli, entrambi patrimonio mondiale Unesco. Unicamente per l’occasione, le due prestigiose sedi sono state collegate tra loro in un percorso artistico che non ha precedenti. Le opere, non solo hanno creato una nuova prospettiva artistica volta ad alimentare un dialogo serrato tra scultura, architettura e paesaggio, ma anche tra presente, passato e futuro. Il pubblico si è potuto così muovere tra i diversi spazi espositivi alla scoperta di Firenze e del suo skyline seguendo il ritmo ed il percorso artistico; percorso in cui visione e percezione sempre si rigenerano, a partire dal rapporto profondo tra uomo e ambiente, tra corpo e natura vegetale. Sin dalle prime esperienze, l’artista ha intrapreso una lunga ricerca segnata da un forte interesse per il rapporto tra natura e cultura, attraverso l’uso di molteplici materiali, da quelli “eversivi” tipici dell’Arte Povera, all’impiego delle materie classiche dell’antica tradizione scultorea: legno, bronzo e marmo.

Il progetto Prospettiva Vegetale, a cura di Arabella Natalini e Sergio Risaliti,  è stato promosso dal Comune di Firenze in collaborazione con la Soprintendenza del Polo Museale Fiorentino; main sponsor Il Gioco del Lotto, partner Opera Laboratori Fiorentini – Gruppo Civita.

Oltre ad aver gestito le relazioni con le istituzioni e gli sponsor di mostra, Once si è occupata dell’ideazione e della realizzazione del progetto espositivo ed ha curato ogni aspetto relativo alla logistica ed agli allestimenti di mostra in entrambe le sue sedi. Presso il Forte Belvedere, durante il periodo espositivo, l’agenzia ha inoltre curato la programmazione e la realizzazione di una serie di eventi collaterali di carattere culturale e musicale.

Il design automobilistico italiano degli anni '50 e '60

In occasione dei 60 anni di Firenze Hometown of Fashion, il Centro di Firenze per la Moda Italiana e Pitti Immagine hanno affidato alla società Once la realizzazione dell’evento espositivo “Il design automobilistico italiano degli anni ’50 e ’60″ (ideazione e realizzazione allestimento, cura delle relazioni con le istituzioni e tutti gli aspetti tecnici, organizzativi e logistici, selezione fornitori e personale impiegati).
Dieci le vetture storiche esposte in Piazza della Signoria dal 17 al 19 giugno 2014; tutte rigorosamente appartenenti alla Collezione Lopresto, una delle collezioni più prestigiose a livello internazionale. Telai unici al mondo, in tiratura limitata o, addirittura, solo in versione prototipo.
Corrado Lopresto, architetto ed imprenditore milanese, vincitore di oltre 180 concorsi, tra cui più di 40 Best in Show (per la categoria miglior auto), è l’unico ad aver vinto quattro volte la Coppa d’Oro al concorso di eleganza di Villa d’Este, il premio più importante d’Europa.

Una serata all'Opera – Firenze Hometown of Fahion

In occasione dei 60 anni di Firenze Hometown of Fashion, tributo alle origini della moda Made in Italy, il Centro di Firenze per la Moda Italiana in collaborazione con Pitti Immagine, ha proposto uno straordinario programma di eventi che si è aperto con la mostra della Fondazione Tirelli e con il concerto del Maestro Andrea Bocelli, dei Cameristi del Maggio Musicale Fiorentino, del soprano Patrizia Orciani e diretto dal Maestro Eugene Kohn presso il Teatro Opera di Firenze.

 

I Costumi della Sartoria Tirelli

Una mostra dedicata al celebre atelier romano ed un tributo al mondo della moda nei suoi primi 50 anni di attività (1964-2014). Otto i capi iconici esposti, emblema della tradizione manifatturiera della sartoria vincitrice di 15 premi Oscar e 22 nomination; tra questi, l’abito indossato da Maria Callas nell’opera “La Traviata” del 1955 con la regia di Luchino Visconti e l’abito indossato da Donald Sutherland nell’opera “Casanova” del 1976 con la regia di Martin Scorsese, vincitore del premio Oscar per i migliori costumi.

Il progetto, promosso da Centro di Firenze per la Moda Italiana e Pitti Immagine, Ministero Sviluppo Economico e ITA – Italian Trade Agency, è a cura di Once.

  

450 anni dell'Accademia delle Arti del Disegno

Il 20 marzo 2014 si è tenuta, presso la prestigiosa sede istituzionale dell’Archivio di Stato di Firenze, la conferenza stampa di presentazione della mostra “Da Michelangelo alla contemporaneità. Storia di un primato mondiale. 450 anni dell’Accademia delle Arti del Disegno” ideata dall’Accademia delle Arti del Disegno in coproduzione con Archivio di Stato e Accademia di Belle Arti di Firenze.

La mostra ha ripercorso i 450 anni di storia dell’Accademia delle Arti del Disegno con oltre 150 opere in esposizione attraverso cui i visitatori hanno potuto ammirare l’evoluzione artistica dell’idea stessa di disegno; da Michelangelo Buonarroti, uno dei due primi accademici insieme a Cosimo I de’Medici, sino ai più contemporanei. Ma il 2014 è anche il 450° anniversario, oltre che della fondazione dell’Accademia, proprio della morte del Buonarroti. Volontà principale della mostra è stata quella di approfittare di questa doppia ricorrenza per raccontare ai visitatori “le tappe di una costante attività artistica e culturale che, nel 1563, ha avuto origine a Firenze”. Prima mostra a raccogliere insieme materiali provenienti dalle due Accademie fiorentine: l’Accademia delle Arti del Disegno e l’Accademia di Belle Arti. Le oltre 150 opere, attraverso l’esposizione di veri e propri tesori, hanno raccontato una storia straordinaria: Vasari, Galileo Galilei, Canova, Morandi, De Chirico sono solo alcune delle prestigiose firme esposte all’Archivio di Stato.

L’agenzia Once, in questa occasione di alto profilo culturale, si è occupata dell’organizzazione della conferenza stampa di presentazione della mostra curandone l'attività di comunicazione.

Zhang Huan - "L'Anima e la Materia/Soul and Matter"

Zhang Huan, uno degli artisti più interessanti del panorama internazionale contemporaneo, ha scelto Firenze per la sua personale L’Anima e la Materia. L’esposizione, ospitata in due luoghi simbolo della città, Palazzo Vecchio e Forte di Belvedere, ha messo a confronto tradizione e sperimentazione, realtà terrena e spiritualità, cultura storica e contemporanea, operando sul doppio binario dell’iconografia cinese ed occidentale. La mostra, promossa dal Comune di Firenze in partnership con Il Gioco del Lotto, ha portato alla rinascita il Forte di Belvedere che, dopo cinque anni di chiusura, è stato riaperto come spazio dedicato all'arte contemporanea a Firenze.

MOSTRA

Once, oltre ad aver gestito le relazioni con le istituzioni e gli sponsor di mostra, si è occupata dell’ideazione e della realizzazione del progetto espositivo ed ha curato ogni aspetto relativo a logistica ed allestimenti di mostra, sia in Palazzo Vecchio che a Forte di Belvedere. L’agenzia ha inoltre ideato e prodotto tutto il layout di mostra e la relativa grafica del materiale informativo.

EVENTI

Presso la sede espositiva del Forte di Belvedere, durante il periodo di mostra, l’agenzia ha curato la programmazione e la realizzazione di una serie di eventi collaterali di carattere culturale e musicale.

Marco Bagnoli: "Araba Fenice"

Dal 25 giugno al 24 agosto 2013 si è tenuta, presso il Giardino di Boboli – Limonaia Grande, la mostra di Marco Bagnoli “Araba Fenice”, superba personale dell’artista contemporaneo. Peculiarità di questo artista è la realizzazione di installazioni site specific in luoghi di eccezionale valore culturale ed architettonico. In occasione di “Araba Fenice” infatti, ha realizzato una serie di sculture ed installazioni di luci e suoni appositamente studiate per poter entrare in dialogo e in contrasto con la particolare location.

L’agenzia Once ha curato tutti gli aspetti relativi a logistica, allestimenti, gestione delle relazioni istituzionali, ideazione e produzione del layout di mostra e della grafica del materiale informativo, oltre che l’organizzazione degli eventi di vernissage e finissage.

Acquarelli di Elio Bargagni: "Altopascio - Uno Spedale sulla via Francigena"

Domenica 26 maggio 2013 si è tenuta presso la Sala Granai del Comune di Altopascio l’inaugurazione della mostra “Altopascio – Uno Spedale sulla via Francigena”.

La collezione in mostra, una personale dell’acquerellista fiorentino Elio Bargagni, immortala, con un tratto caldo ed evocativo, Altopascio città di accoglienza, raccontandone la storia attraverso l’esaltazione delle bellezze architettoniche e paesaggistiche che la contraddistinguono.

Once, oltre a mediare le relazioni tra artista ed istituzioni, ha curato l’organizzazione dell’allestimento della mostra ed ha affiancato l’ufficio stampa del Comune di Altopascio per la comunicazione e la promozione della stessa.

 

ElioBargagni a "FiorGen" Arte Lucca

Sabato 1° marzo è stata inaugurata presso Palazzo Guinigi a Lucca, la mostra “FiorGen Arte Lucca”, alla presenza del Presidente della Fondazione, Professor Gianfranco Gensini, dell’Assessore alla Cultura del Comune di Lucca, Alda Fratello, e del Presidente dell’Opera delle Mura, Alessandro Biancalana.
Centocinquanta opere di 40 artisti toscani contemporanei hanno reso omaggio alla cittadina toscana. Fra questi, il pittore acquerellista Elio Bargagni, che ha dedicato molti dei suoi acquerelli a Lucca e che da tempo collabora con la Fondazione FiorGen.

Florens 2012

In occasione di Florens 2012 - Settimana Internazionale dei Beni Culturali e Ambientali, Once ha seguito gli allestimenti e le fasi operative dei tre eventi: Mysterium Crucis, la Croce di Piazza Santa Croce e il giardino degli Ulivi.

LA CROCE DI PIAZZA SANTA CROCE "site specific opera" dell'artista internazionale Mimmo Paladino. Once si è occupata degli studi di fattibilità del progetto, della selezione del materiale (blocchi di marmo e granulato) presso la cava Henraux di Querceta (LU), della logistica, della direzione dei lavori di allestimento, dei trasporti eccezionali, della viabilità, e dei rapporti burocratici.

MYSTERIUM CRUCIS  ostensione sacra dei crocifissi di Brunelleschi, Donatello e Michelangelo nel Battistero di San Giovanni a Firenze.

Once ha curato ogni dettaglio dell’evento:

- progettazione e realizzazione dell’allestimento;

- rapporti burocratici;

- accoglienza ospiti;

- comunicazione. 

“Mysterium Crucis”, inaugurato dal Cardinale S.E. Giuseppe Betori, Arcivescovo metropolita di Firenze, ha visto la partecipazione di Armand Puig i Tàrrech, professore ordinario di Nuovo Testamento presso la Facoltà Teologica della Catalogna e Sergio Givone, assessore Cultura e Contemporaneità del Comune di Firenze. L’ostensione sacra, ideata da Sergio Risaliti in collaborazione con Francesco Vossilla, in soli 10 giorni è stata visitata da oltre 25.000 persone.

IL GIARDINO DEGLI ULIVI Once ha progettato e realizzato “Il giardino degli ulivi” in piazza San Giovanni a Firenze, selezionando 72 piante di ulivo secolari presso l’Associazione Vivaisti Pistoiesi, ideando e realizzando l’allestimento della piazza e coordinando i trasporti eccezionali.

 

Polar Obsession

Once Events ha proposto la mostra fotografica dal titolo “Polar Obsession”, oltre 50 scatti realizzati dal fotografo Paul Nicklen e prodotta da National Geographic Society per Florens 2010, curando ogni aspetto progettuale ed esecutivo dell’esposizione in collaborazione con Sidicopy, Studio Noè e Omikron.
La mostra è stata allestita nella Galleria Medicea di Palazzo Medici Riccardi – Firenze.